Non tutti i turisti vaccinati possono visitare l'Islanda

Né i certificati di vaccinazione né i certificati di anticorpi per COVID-19 sono accettati ai confini islandesi da passeggeri provenienti dall'esterno dell'area Schengen, riferisce Morgunblaðið. Il motivo è la continua chiusura delle frontiere dell'area Schengen, che comprende 26 paesi europei. Ciò significa che i turisti immunizzati provenienti da Stati Uniti, Regno Unito e Cina non hanno accesso all'Islanda.

Queste nazionalità hanno costituito negli ultimi anni i più grandi gruppi di turisti in Islanda.

Ciò ha un impatto negativo sull'industria dei viaggi islandese, afferma Jóhannes Þór Skúlason, CEO di SAF, l'associazione islandese dell'industria dei viaggi. Aggiunge, tuttavia, che in Islanda c'è la volontà politica di cambiare quelle regole e di aprire le frontiere ai turisti vaccinati e a quelli con anticorpi. Una tale decisione, tuttavia, è nelle mani del Consiglio dell'Unione europea.

"Questa è una questione squisitamente politica tra gli Stati Uniti e l'UE", afferma. “La chiusura di Schengen è stata emanata sulla scia della decisione degli Stati Uniti di sospendere i voli dall'Europa. Migliori relazioni erano state previste dopo il trasferimento del potere negli Stati Uniti, ma al momento l'amministrazione Biden sostiene questa chiusura".

Il ministro islandese della giustizia aveva suggerito al Consiglio dell'Unione europea di spostare i confini esterni di Schengen nel continente europeo (ciò avrebbe consentito all'Islanda di ricevere turisti impossibilitati a viaggiare dall'Islanda ad altri paesi Schengen) Questo suggerimento, tuttavia, non è stato ben accolto dal Consiglio, motivo per cui l'Islanda segue i suggerimenti dell'UE.
Si spera che le cose cambino entro agosto, ma data la situazione attuale, far previsioni è come indovinare i numeri vincenti della lotteria.

Per approfondimenti: https://icelandmonitor.mbl.is/

Share it