Il terremoto del 20 ottobre 2020 in Islanda

Il 2020 non è stato (e continua ad non essere) un anno fortunato per l'Islanda. La capitale islandese Reykjavik, il 20 ottobre 2020, è stata scossa da un potente terremoto di magnitudo 5,6, circa una settimana dopo che è stata registrata una maggiore attività sismica nel Eyjafjallajökull, il vulcano che è esploso nel 2011 cancellando centinaia di voli

L' ufficio meteorologico islandese ha riportato che il terremoto ha colpito martedì 20 ottobre alle 13:43 ed è stato centrato vicino a Krysuvik, a circa 20 miglia a sud della capitale. Non ci sono state segnalazioni immediate di feriti.

Il primo ministro Katrin Jakobsdottir è stata intervistata in diretta televisiva da casa sua quando tutto intorno a lei ha iniziato a tremare. "Bene, questa è l'Islanda!" La 44enne ha detto ridendo a crepapelle, dicendo che stava "perfettamente bene" e che "la casa era ancora forte".  

Nel frattempo, anche il parlamento di Reykjavik è stato scosso dai movimenti sismici, inviando un parlamentare che si rivolge alla casa correndo ai ripari.

Helgi Hrafn Gunnarsson, parlamentare del Partito Pirata, si è allontanato dal leggio mentre il Portavoce, Steingrímur J. Sigfússon, è rimasto seduto dietro di lui.
"Siediti con calma, siediti con calma", si sente dire lo statista anziano al parlamentare. 

Il terremoto di magnitudo 5.6 che ha colpito il sud-ovest dell'Islanda martedì non ha solo lasciato crepe nei soffitti.
Nelle scogliere di Krýsuvíkurberg sulla penisola di Reykjanes, a 5-10 km (3-6 miglia) a sud-est della fonte del terremoto, si è aperta una fessura lunga 50 metri (160 piedi) e larga in media 60 cm (2 piedi), riferisce Morgunblaðið.
Questa è una zona frequentata frequentemente dai turisti.

Óskar Sævarsson, ranger del parco, afferma che questo è diventato un posto pericoloso da visitare.
Altre fenditure, già presenti nella zona, si sono allargate con il terremoto.

C'è un forte odore di petrolio e zolfo emesso dal lago Grænavatn presso Krýsuvík, e l'attività nella sorgente calda di Engjahver, a breve distanza, è aumentata notevolmente.
"Negli ultimi giorni, un odore molto forte è venuto dal lago Grænavatn, come se una gigantesca petroliera si fosse arenata lì", afferma il ranger.

Grænavatn è un cratere esploso, appena a sud del lago Kleifarvatn, di colore verde a causa dello zolfo che contiene.
La sorgente calda di Engjahver, d'altra parte, è solitamente blu chiaro, a causa dell'afflusso di acqua.
In molti luoghi di Reykjanes, il terremoto ha fatto rotolare le rocce lungo i pendii delle montagne, mettendo in alcuni casi a rischio gli escursionisti.

Il geofisico Páll Einarsson afferma che il terremoto di martedì è stato parte di una serie di eventi, causati da movimenti sui confini delle placche nordamericane ed euroasiatiche, che si estendono lungo tutta la penisola di Reykjanes. Nel 2009 e nel 2010 si è verificato un sollevamento vicino a Krýsuvík e la stessa cosa è successa all'inizio di quest'anno per la città di Grindavík, in tre fasi. Il terremoto di martedì è una continuazione di quegli eventi. 
"Qualunque sviluppo seguano è qualcosa che ci sorprende costantemente, scienziati, quindi poco può essere previsto sul futuro", conclude Páll.

Share it